Home 
 •
Annunci Gratuiti
 •
Forum
 •
Chat
 •
Cartoline  
 •
Ricette Tipiche
 •
Ricettività
 •
Ristorazione
 •
Vini di Sicilia
 •
Prodotti Tipici
 •
Intrattenimenti
 •
Agriturismo
 •
Naturalismo
 •
Riserve e Parchi
 •
Lavorare in Sicilia
 • 
Università
 •
Isole
 •
Arte in Sicilia
 •
Folclore 
 • 
Leggende
 •
Proverbi
 •
Feste-Fiere-Eventi
 •
Enti Turistici
 • 
Sms Love
 •
Mp3 Folcloristici 
 •
Screen-saver
 •
Free-Em@il
 • 
Links
 •
Guestbook

.

 


.

Iscriviti alla Newsletter

abbonarsi disdire

 

 
 

 

 

 

 

 

Vacanze a Filicudi per gli amanti della natura incontaminata

Isole Eolie / Filicudi

L'Isola: La particolarità di quest'isola così come per Alicudi è lo stato di conservazione del tutto immutato nell'ultimo secolo. Ciò è dovuto all'abbandono a causa di emigrazioni, alle rotte ben lontane da queste isole, alla posizione periferica rispetto alle altre isole, ai luoghi selvaggi e di conseguenza la difficoltà nel raggiungerle le ha immunizzate dagli effetti negativi degli insediamenti. Per questo motivo è possibile comparare la struttura e l'aspetto della cultura eoliana di un tempo e quella di oggi, modificata non poco dall'intervento umano.
Gli insediamenti urbani sono sempre composti da pochi nuclei che seguono l'andamento del terreno e dell'ambiente. Le abitazioni si sviluppano attorno al "bagghiu" (asse del terrazzo), delimitato da "bisuole" (sedili in cemento o muratura) con delle "pulere" (colonne) che sorreggono un grazioso pergolato. Di solito l'abitazione è composta da tre o quattro vani che non comunicano tra loro dalla parte interna ma dal terrazzo che diviene la parte più vissuta della casa. Si trovano molto spesso abitazioni a due piani, e quello superiore è collegato all'altro mediante il terrazzo da una scala esterna, in questo caso il piano superiore diventa abitazione e quello inferiore magazzino, stalla o forno. I bagni sono disposti ai lati esterni del terrazzo.
L'ambiente di quest'isola ha condizionato fortemente le caratteristiche architettonica della stessa, ad esempio la sismicità ha consigliato la compattezza delle superfici murarie, la violenza dei venti la compattezza della struttura totale, l'assenza di sorgenti e di un sistema di distribuzione delle acque ha dato vita ai tetti a terrazzo (astricu) per raccogliere le acque piovane in una cisterna posta accanto alle abitazioni. I materiali di costruzione sono tipici vulcanici anche per motivi legati alla solidità stessa dei nuclei abitativi e la presenza di elementi partenopei è dovuta agli intensi scambi commerciali passati con la Campania. Un altro elemento caratterizzante delle isole di Alicudi e Filicudi è la "pagghiara", arcaica costruzione per il ricovero del bestiame, tali strutture confermano la passata tendenza delle stesse isole al pascolo.
Filicudi vista dall'alto ha una forma ellittica che si allunga ad una estremità con Capo Graziano. L'isole stessa non è altro che la parte superiore di una complessa struttura di tipo vulcanico sommersa. A partire dal Pleistocene si sono formati molti centri eruttivi e similari, adesso si possono distinguere sei diverse strutture vulcaniche: dal filo di Sciacca a Zucco Grande, Fossa delle Felci e Monte Terrione, la Montagnola e infine Capo Graziano. Oggi non vi sono più segni di attività vulcanica secondaria anche se a fine secolo scorso veniva segnalata una sorgente d'acqua calda non più identificata.
Vi sono poi numerosi scogli emergenti a circa un chilometro dalla costa notevolmente erosi dal mare, la Canna, Montenassari e lo Scoglietto. Le coste si presentano a picco sul mare e abbastanza ostili e selvagge e di singolare fascino. Predomina anche qui la macchia mediterranea che si è imposta anche su quei terreni che un tempo erano stati coltivati, ma non mancano vicino alle case abitate altri tipi di piante quali: pino, ibiscus e bouganvillea. Ma l'attrattiva principale è il mare incontaminato e ricco di flora e fauna nonchè di scorci altamente suggestivi. I segni dei primi insediamenti umani sull'isola sono testimoniati dal ritrovamento di alcune ceramiche neolitiche sulla Montagnola di Capo Graziano risalenti al 3000 a.C. circa. In seguito sono stati più generosi i lasciti, come nell'età del Bronzo: nasce un villaggio nella parte   a Sud del Piano del Porto, esattamente in contrada Filo Braccio, in direzione della casa Lopez ormai distrutta, quest'ultima in posizione strategicamente difensiva. Il villaggio è venuto alla luce solo in parte e infatti gli scavi sono stati effettuati solo su alcune capanne riedificate più volte. Si deduce poi che, vista la necessità difensiva, l'abitato si sposta in una zona ben protetta.
Il villaggio adesso si trova su una zona pianeggiante e si espande lungo le pendici della Montagnola di Capo Graziano. Sono state riportate alla luce circa quindici capanne ovoidali, più piccole di quelle di Piano del Porto e si sviluppano in un solo vano, oltre ad essere costruite con tecniche più accurate. La costruzione si trovava al di sotto del livello del terreno in modo che dal mare fossero visibili solo i tetti di paglia. Assieme alle capanne sono stati ritrovati frammenti di ceramica decorata e una necropoli. Le tombe collettive adoperate in quel periodo in tutta la Sicilia all'interno delle grotte non potendole realizzare allo stesso modo venivano incassate nel terreno. Si pensa che una distruzione abbia posto fine alla vita nel villaggio e abbia lasciato l'isola disabitata per un buon periodo. Dal mare sono state recuperate da alcune navi affondate presso Capo Graziano alcune anforette, cannoni in bronzo e altri reperti tutti custoditi presso il museo di Lipari
I nuclei attualmente abitati soni: Filicudi Porto, Rocca di Ciàuli, Val di Chiesa e Pecorini.
Nonostante esista una rotabile che collega Filicudi Porto con Val di Chiesa e Pecorini a Mare, è molto più bello spostarsi seguendo le vecchie mulattiere. Una di esse inizia a pochi metri dall'attracco di Filicudi Porto e si arrampica sul M. Guardia, affacciandosi sulla baia di Filicudi delimitata da Capo Graziano e dall'arcipelago. Camminando si raggiunge la Rocca di Cìauli, poi una cappelletta, quindi si può deviare per andare sulla parte alta di Rocca di Cìauli o proseguire per Contrada Liscio affiancando il M.Terrione e giungere a val di Chiesa. Attraversato il grazioso abitato ci si ritrova alla chiesetta di S.Stefano. Dal paesino si possono raggiungere altre mete: M.Fossa delle Felci e le Case dello Zucco Grande, quest'ultimo anche centro abitato, molto piccolo e immerso nella vegetazione mediterranea. Dalla chiesa si può arrivare alla rotabile e percorrerla fino alla fine, ritrovandosi in una piazzetta, da qui si può scendere attraverso un sentiero fino a Pecorini. Giunti alla chiesetta di S.Giuseppe, seguendo la stradina che le passa accanto si arriva a Pecorini a Mare. A Capo Graziano si può ammirare il villaggio preistorico, per raggiungerlo da Filicudi Porto bisogna seguire la strada che passa attraverso le case, seguire la spiaggia e poi salire per un angusto sentiero. Da qui la vista sulla costa e sul Piano del Porto. Il villaggio si può raggiungere anche da Pecorini a Mare andando in direzione Filicudi Porto e giunti alle pendici del M.Guardia si può salire attraverso un ripido sentiero, da questo stesso deviando si possono visitare gli scavi del villaggio di Filo di Braccio.
 
L'Isola da Terra: Da Pecorini a mare si dirama un sentiero che porta alla penisola di Capo Graziano. Sul Piano del Porto è situato un villaggio preistorico dove sono stati riportati alla luce importanti ritrovamenti archeologici risalenti all'età del bronzo.

Un altro più ampio abitato, probabilmente successivo al precedente, si estende sull'altura della Montagnola. Esso è costituito da una ventina di capanne di forma ovale, situate su una terrazza, nelle quali sono state ritrovate numerose ceramiche indigene e micenee, ora conservate nel museo di Lipari.

Il villaggio ha probabilmente cessato di esistere in seguito ad una distruzione violenta nel corso del XIII sec. a.C. Sulle scoscese pendici della Montagnola vi erano (entro anfratti naturali) alcune sepolture. Sulla vetta dei Montagnoli di Pecorini, sulla costa sud dell'Isola, si osserva un grande masso con iscrizione greca.

Per ammirare uno stupendo panorama sull'arcipelago, vale la pena arrampicarsi sulla Fossa delle Felci, la cui vetta è raggiungibile da Valle Chiesa, seguendo alcuni sentieri che si inerpicano sul monte.


L'Isola dal Mare: Il periplo dell'isola in barca ne esalta la vera natura selvaggia. Le coste di Filicudi presentano bellezze non comuni: declivi formati da terrazze rivestite di ginestre, strette valli, dirupate scogliere e profonde grotte.

Di grande effetto è la visita alla Grotta del Bue Marino, posta nelle vicinanze di Punta Perciato. All' interno della grotta i giochi di luce e il rumore del mare sembrano imitare il muggito del bue, producendo effetti suggestivi.

Poco lontano, tra le acque azzurre e trasparenti, si erge lo Scoglio della Canna (85 m. di altezza), molto amato dai subacquei per la pesca del corallo, delle spugne e delle aragoste. A nord si ammira la spettacolare Punta di Zucco Grande, con i suoi dieci strati di lava.

Il versante est è meno aspro, avvantaggiato dal digradare del pendio. Tra gli scorci panoramici vari e suggestivi segnaliamo la Punta del Perciato, che ha una serie di scanalature naturali che formano archi di rocce e i massi giganteschi delle Rupi della Sciara: ripide rocce verticali a strapiombo


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Inizio pagina

Home

Arte| Contattaci |Guestbook| Chat |Ricette| Ricettività |Sms love
Ristorazione| Prodotti Tipici |Intrattenimenti | Agriturismo| Lavoro | Università |
 Folklore | Leggende |Feste-Fiere-Eventi | Enti di Promozione | Free email | Links

informazioni: info@sicilyland.it  | webmaster: webmaster@sicilyland.it |