Home 
 •
Annunci Gratuiti
 •
Forum
 •
Chat
 •
Cartoline  
 •
Ricette Tipiche
 •
Ricettività
 •
Ristorazione
 •
Vini di Sicilia
 •
Prodotti Tipici
 •
Intrattenimenti
 •
Agriturismo
 •
Naturalismo
 •
Riserve e Parchi
 •
Lavorare in Sicilia
 • 
Università
 •
Isole
 •
Arte in Sicilia
 •
Folclore 
 • 
Leggende
 •
Proverbi
 •
Feste-Fiere-Eventi
 •
Enti Turistici
 • 
Sms Love
 •
Mp3 Folcloristici 
 •
Screen-saver
 •
Free-Em@il
 • 
Links
 •
Guestbook

 

 

Dove andae in Vacanza Sicilia

I migliori proverbi siciliani

Li pruverbi: i racconti e i proverbi sicilia tipice della tradizione Siciliana
dolce tipico siciliano


I proverbi Siciliani sono l'essenza della cultura del popolo siciliano

 

Home | Links |Guestbook | Contattaci |

 

L'anima siciliana può essere conosciuta attraverso i proverbi; essi sono il documento di una sapienza secolare, che si perpetua e ispira ancora comportamenti e modi di essere: i siciliani non amano il rischio del variare e sanno che 

Li pruverbi sù tutti pruvati.

Il Verga anche attraverso i proverbi riuscì ad esprimere , nella maniera più immediata , la vita dei siciliani, sempre e tuttora scandita da norme precise e irrinunziabili.Caratteristica del proverbio è la brevità: pertanto riesce comodo e di facile apprendimento e conservazione.Il proverbio muta, secondo le caratteristiche del paese in cui si diffonde, il particolare dialetto, il gusto, le nuove esperienze.Così anche quando non è nato in Sicilia, qui si fa siciliano;se è sentito , prende una veste indigena.

Cu 'havi a chi fari cu' sperti,stassi cu' l'occhi aperti.
Chi ha a che fare con i furbi,deve stare con gli occhi aperti

A casa, senza a fimmina, ‘mpuvirisci.
La casa, senza la donna, impoverisce.

A facci ca non è vista, è disiddirata.
Volto non visto, è più desiderato.

A fimmina ca havi russuri, attira chiù d’i ricchizzi.
La donna attira più col suo pudore, che colle sue ricchezze.

Ama a cu t’ama, rispunti a cu’ ti chiama.
Ama chi t’ama, rispondi a chi ti chiama.

Bona maritata, senza sòggira e cugnata.
E’ ben sposata, la donna che non ha né suocera né cognata.

Cu si marita ‘nto quartieri bivi ‘nto so bicchieri; cu si marita ‘nta centrata, bivi ‘nta cannata.
Chi sposa nel suo quartiere, beve nel suo bicchiere; chi sposa nella sua contrada, beve nell’anfora.

Facci ca non è vista, è disiata.
Faccia che non è vista, è desiderata.

Fimmina barbuta, mancu di luntanu si saluta.
Donna barbuta, non salutarla neppure da lontano.

Fimmina bona, vali chiù di ‘na corona.
Una donna fine, val più di una corona regale.

Fimmina di tilaru, jaddina di puddaru, e trigghia di jnnaru.
Donna lavoratrice, gallina di pollaio, e triglia di gennaio.

Fimmina ca non s’allucia all’oru, vali chiossai di ‘n trisoru.
Donna che non si fa affascinare dall’oro, val più di un tesoro.

I fimmini quarchi vota dìciunu u veru, ma non lu dìciunu interu.
Le donne talora dicono il vero, ma non lo dicono intero.

Fimmina senza amuri è rosa senza oduri
Donna senza amore è una rosa senza odore

L’amuri è misuratu, cu lu porta, l’havi purtatu.
L’amore è reciproco, chi ne dà, ne riceve.

La farfalla, a lu lumi attornu vola.
La farfalla vola sempre attorno alla luce.

Fai bene e scordalu, fai male e pensaci
Se fai bene, dimenticatene; se fai male, pensaci

Tri sunu li putenti: 'u papa, 'u re e cu nun avi nenti
Tre sono i potenti: il papa, il re e chi non possiede niente

L’acqua si ni va ‘nta la pinnenza, l’amuri si ni va unni c’è spranza.
L’acqua scende lungo il pendio, l’amore se ne va dove c’è speranza.

La lontananza ‘un abbannuna amuri, chiuttostu menti ‘na vampa ‘nto cori.
Il distacco non fa diminuire l’affetto, anzi accende un fuoco nel cuore.

Muggheri onesta, trisoru ca resta.
Moglie onesta, tesoro che resta.

Non amari a cu t’ama è gran piccatu, amari a cu non t’ama è tempu persu.
Non amare chi t’ama è gran peccato, amare chi non t’ama è tempo perso.

Non c’è nenti chi fari, simpatia e antipatia su’ cosi naturali.
Non c’è niente da fare, simpatia e antipatia son fatti naturali.

Non c’è sàbbutu senza suli, non c’è fimmina senza amuri.
Non c’è sabato senza sole, non c’è donna senza amore.

Non ci po’ èssiri veru amuri, unni ognunu voli èssiri pattruni.
Non ci può essere vero amore , dove ciascuno voglia essere padrone esclusivo delle proprie cose.

Non si’ amatu, si pensi sulu a tia.
Non sarai amato, se penserai solo a te.

Non su’i biddizzi ca ti fannu amari, ma a gentilezza e lu bonu parrai.
Non sono soltanto le tue bellezze a farti amare, ma la gentilezza e il cortese parlare.

Nuddu ti pigghia, si non t’arrassumigghia.
Nessuno ti piglia, se non ti rassomiglia.

Partutu ca l’amuri, resta lu pintimentu e lu duluri.
Svanito l’amore, restano il pentimento ed il dolore.

Ppi cu ama, ogni goccia di suduri, è na perla prizziusa di lu cori.
Per l’innamorato, ogni goccia di sudore, è una perla preziosa del cuore.

Quannu l’amuri tuppulìa, non lu lassari ammenzu a la via.
Quando l’amore bussa alla tua porta, non lo lasciare in strada.

S’astuta prestu lu focu di pagghia.
Si spegne presto il fuoco di paglia.

Unni c’è interessi, non c’è amuri.
Dove prevalgono gli interessi materiali, non c’è amore.

A collira da sira sarbatilla ppà matina.
La collera della sera conservala per il girono dopo.

Cu lassa a vecchia ppà nova tintu s'attrova.
Chi lascia la vecchia per la nuova si troverà male.

Cu primu nun pensa all'urtimu suspira.
Chi non pensa prima di agire, alla fine non gli resta che sospirare.

Scàcciti juncu ca passa la china.
Piegati giunco perché passa la piena.

Nun prumettiri e santi diuna né e carusi cudduruna.
Non promettere ai santi digiuni e ai ragazzi focacce.

Cu a spranza d'autri sta, a so pignata un vugghia ma.
Non bolle mai la pentola di chi sta a speranza di altri.

Trìulu 'nsigna a chianciri.
Tribolo insegna a piangere.

Aceddu ca canta nna argia, o canta ppì mmiria o canta ppì raggia.                                                                                                                             L'uccello che canta dentro la gabbia canta o per invidia o per rabbia.

Nun si loda a jurnata se nun scura, né si loda a mugghieri se nun mora.     
Non si loda la giornata se prima non fa buio, né si loda la moglie se prima non muore.

Unni a iaddina canta e u iaddu taci, chidda è a casa ca nun c'è paci.
Dove la gallina canta e il gallo tace, quella è la casa dove non c'è pace.

Quannu a vucca pigghia e u culu renna, salutu i midicini e cu è ca i vinni. 
Quando la bocca prende e il culo rende, saluto le medicine e chi è che le vende

L'amuri è comu lu citrolu, cumincia duci e finisci amaru  
L'amore è come il cetriolo, comincia dolce e finisce amaro

Si voi un omu fari scimunire, fallu 'ngilusiri 
se vuoi rendere un uomo più passionale dagli quella giusta dose di gelosia che lo costringa a dedicarsi a te

Ama a cui t'ama, a cui nun t'ama, lassalu  
dai il tuo amore a chi realmente ti ama e non perdere tempo con chi non pensa a te
 

L'amuri è amaru ma arricria lu cori 
l'amore molto spesso fa soffrire, ma senza questo la vita non ha senso
 

Due cosi 'nsemmula non si ponnu fari: viviri e friscari.
Due cose contemporaneamente non si possono fare: bere e fischiare

Biddizza senza grazia  è comu l'isca senz'ami.
La bellezza senza grazia è come l'esca senza l'amo

Cui di la propia libbirtà si spogghia,sempri si trova cu affannu e cu dogghia
Chi si spoglia della propia libertà,si troverà sempre afflitto da affanni e doglie.

Cu' havi a chi fari cu li sperti, stassi,cu l'occhi aperti ben aperti.
Chi a che fare con i furbi, stia con gli occhi ben aperti.

Dici lu cappillanu a la batissa:senza dinari nun si canta missa.
Dice il cappellano alla badessa:senza denari non si canta messa.

La furtuna è fatta a rota,sempri vota e sbota.
La fortuna è come una ruota,sempre viene  e va.

 

   Flash News

 

Inizio pagina

Home

Arte| Contattaci |Guestbook| Chat |Ricette| Ricettività |Sms love
Ristorazione| Prodotti Tipici |Intrattenimenti | Agriturismo| Lavoro | Università |
 Folklore | Leggende |Feste-Fiere-Eventi | Enti di Promozione | Free-Em@il | Links

informazioni: info@sicilyland.it  | webmaster: webmaster@sicilyland.it |