Eventi Annuali |    Segnala un evento | Home Page | Aiuto       
Web Calendar
 Previous year  Previous month March
2017
 Next month.
 There are  event(s)  Next year
 Mo  Tu  We  Th  Fr  Sa  Su  Week 2017
 27   28   01   02   03   04   05  9
 06   07   08   09   10   11   12  10
 13   14   15   16   17   18   19  11
 20   21   22   23   24   25   26  12
 27   28   29   30   31   01   02  13
 Login
[ Add event ]  Help

Next 0 upcoming events:

   Web Calendar - March 2017

 5 March - 5 March, 2017 - La festa di San Bartolomeo dei contadini  Event range: 5 March - 5 March, 2017
La festa di San Bartolomeo dei contadini  Yearly recursive event

La festa di San Bartolomeo dei contadini a Lipari, il 5 marzo 2008

Tutti gli anni il 5 marzo, Lipari i contadini celebrano San Bartolomeo. Il Santo viene festeggiato quattro volte l'anno, una per stagione: il 13 febbraio è festeggiato dai contadini in ricordo della prima traslazione, quando le spoglie di Sna Bartolo arrivarono a Lipari, a marzo la festa è stata richiesta dai cittadini nel 1823, per lo scampato terremoto, li 24 agosto per la festa ufficiale e il 16 novembre per lo scampato terremoto del 1894. Il corpo del Santo patrono rimase nella cappella originaria fino all'838, quando Lipari fu soggetta ad una violenta incursione araba, durante cui le ossa del Santo furono profanate e disperse insieme ai resti dei monaci, che lì erano defunti. La legenda narra che san Bartolomeo apparve insogno ad un anziano monaco greco indicandogli di raccogliere le proprie ossa, che si sarebbero distinte dalle altre per il loro brillare; i monaci custodirono le reliquie per breve tempo, poi le affidarono ad alcuni vascelli longobardi della flotta del Principe Siccardo, che le condussero a Salerno e successivamente a Benevento; sono comunque custodite presso la attuale Cattedrale le reliquie del sacro pollice e della pelle. La devozione verso il Santo rimase comunque viva nel corso dei secoli, durante i quali vi sono numerose testimonianze dei miracoli di San Bartolomeo. La statua del Santo, il vascelluzzo d'argento e le numerose chiese dedicate al Santo sono il simbolo della devozione che i cittadini di Lipari hanno verso il loro Patrono.

 
Info Tel: 090.9880095 APT
Luogo Evento: Lipari, Messina
Event category: Feste e Sagre   Event range: 5 March - 5 March  
 

 7 March - 9 March, 2017 - Festa di San Giuseppe a Santa Croce Camerina Event range: 7 March - 9 March, 2017
Festa di San Giuseppe a Santa Croce Camerina  Yearly recursive event

Festa di San Giuseppe

Santa Croce Camerina, Ragusa dal 7 marzo 2008 al 9 marzo 2008

Si festeggerà dal 7 al 9 marzo 2008 la ricorrenza della Festa di San Giuseppe a Santa Croce Camerina in provincia di Ragusa. In questo paesino siciliano la venerazione per San Giuseppe è molto sentita ed ha una lunga tradizione. Infatti il Santo è festeggiato a partire dai primi anni del 1800 quando un nobile del luogo offrì dei campi per onorare le spese della festa e quando dei paesani di Scigli si trasferirono in questa città e propagarono il culto del Santo. Il giorno di San Giuseppe, considerato anche ricorrenza della festa del papà, è celebrato attraverso la preparazione e la vendita di vari tipi di cibi, tra cui i tradizionali e squisiti dolci; inoltre oltre alla celebrazione della messa solenne in onore di San Giuseppe, si perpetua un rituale che consiste nella costituzione di varie Sacre Famiglie nella quali, il personaggio che rappresenta il Patriarca porta un bastone rivestito di fiori in cui è attaccata un'immagine del Santo. Le diverse famiglie che così si costituiscono procedono per le vie del paese fino a raggiungere le case nelle quali sono state preparate delle abbondanti cene.
Comune Tel: 0932.914111
Luogo Evento: Santa Croce Camerina, Ragusa
Event category: Feste e Sagre   Event range: 7 March - 9 March  
 

 9 March - 9 March, 2017 - Festa di San Basilio Vitale Event range: 9 March - 9 March, 2017
Festa di San Basilio Vitale  Yearly recursive event

Il 9 marzo 2007, come tutti gli anni, si celebra a Castronuovo di Sicilia la Festa di San Basilio Vitale. Anche qui la festività del Santo, originario della piccola cittadina, è legata ad eventi miracolosi. Si dice che nel secolo scorso un maestro falegname ricevette in sogno San Vitale che gli ordinava di recarsi in una contrada specifica del paese per procurarsi il legno di un particolare ulivo per poter costruire una statua in Suo onore. Il falegname era un pò titubante, ma si convinse e andò a parlare col proprietario del luogo dove si trovava l'albero e l'uomo confermò d'aver fatto lo stesso sogno, così il posto è divenuto luogo di culto. I festeggiamenti consistono nel Trionfo, cioè la processione del quadro del beato Elia, che la tradizione vuole come nipote e contemporaneo del Santo, attuato l'otto marzo e caratterizzata dalla presenza di numerose lanterne, torce e fiaccole trasportate dai fedeli, e la processione del simulacro del Santo patrono della città, corteo attuato proprio il giorno della festa.
Luogo Evento: Castronuovo Di Sicilia, Palermo
Inserito da: staff  Event category: Feste e Sagre   Event range: 9 March - 9 March  
 

 14 March - 14 March, 2017 - Festa del Crocifisso Event range: 14 March - 14 March, 2017
Festa del Crocifisso" di San Marco D’Alunzio  Yearly recursive event

Festa del Crocifisso

San Marco d'Alunzio, Messina il 14 marzo 2008

La commovente e bellissima "Festa del Crocifisso" di San Marco D’Alunzio ricorre l’ultimo venerdì di marzo: per il 2008 la festa viene ulteriormente anticipata al 14 marzo perché il 21 cade il Venerdì Santo. Questo evento ha origini antichissime, forse istituito nel 1612: da allora si ripete sempre uguale e in questa occasione, è come se il tempo si fermasse e si tornasse a rievocare frammenti di passato che rivivono nei canti dialettali, nei gesti, in simboli che uniscono sacro a profano. Alle ore 11.00 nella Chiesa dell’Aracoeli, splendida architettura seicentesca, il simulacro del SS.Crocifisso viene deposto dalla sua cappella, con grande fervore religioso e viene innalzato sul fercolo appositamente preparato sul sagrato della chiesa. Ai suoi piedi viene deposto il quadro della “Vergine dei Sette dolori”, trafitta da sette spade d’argento. Dopo le omelie inizia la processione e la particolare sfilata penitenziale caratterizzata dai Babbaluti. I trentatrè Babbaluti, tanti quanti gli anni di Cristo, sono uomini e donne che, per un voto formulato nel corso dell’ultimo anno, vestono il caratteristico saio blu con cappuccio viola che copre loro il volto e li rende irriconoscibili. Ai piedi portano solo pesanti calze di lana di pecora o di cotone lavorate a mano, i cosiddetti piruna. Si ritrovano nella Chiesa di Santa Maria dei Poveri dove, mentre sono in corso le omelie, indossano le tuniche: in coppia si dirigono poi nella Chiesa dell’Aracoeli e baciato per terra in un punto stabilito, entrano dalla porta fausa, ovvero secondaria e si dispongono sotto il fercolo. I Babbaluti portano a spalla il Cristo per le vie principali del paese, lungo la via Aluntina, fino a giungere in piazza S.Agostino. La processione è cadenzata da lugubri canti e da una lamentosa invocazione: Signuri, misiricordia, pietà! Il ritorno si compie lungo lo stesso percorso, finchè a sera nella Chiesa dell'Aracoeli si svolge il rito conclusivo detto “Dei Sepolcri”. Dopo la Via Crucis, infatti, viene posto nel Sapurcu, un grande mausoleo che si innalza da terra fino alla cupola davanti all’altare maggiore e che rappresenta il pretorio di Pilato.

Luogo Evento: San Marco d'Alunzio, Messina
Event category: Feste e Sagre   Event range: 14 March - 14 March  
 

 14 March - 15 March, 2017 - Festa di San Giuseppe a Marettimo Event range: 14 March - 15 March, 2017
Festa di San Giuseppe a Marettimo  Yearly recursive event

Festa di San Giuseppe

Marettimo, Trapani dal 14 marzo 2008 al 15 marzo 2008

Nella vita della comunità di Marettimo esistono varie occasioni in cui si manifesta il forte senso di appartenenza all'isola, di attaccamento alle tradizioni e alla propria cultura. E la festa dedicata a San Giuseppe ne è l'esempio più significativo. I festeggiamenti, in onore del Santo Patrono della più lontana delle Egadi, cominciano con la novena e, la sua immagine, oltre che in chiesa dove è rappresentata da una statua risalente all'epoca della costruzione della chiesa (fine dell'800) viene incorniciata presso gli "Altari" che le famiglie allestiscono nelle proprie case. Sono realizzati con stole di tela decorata a mano e con ritagli di carta stagnola colorata. E' in uso esporre in questi altari, oltre all'immagine di San Giuseppe o della Sacra Famiglia, oggetti simbolici come tre arance, i "panuzzi", i "cucciddrati" (di pane), ceri accesi e vasi colmi di "barcu" la violacciocca sinuata che fiorisce a Marettimo in questo periodo. Il giorno della vigilia - solitamente il 18 marzo - l'atmosfera è resa allegra dall'arrivo della banda musicale che gira per il paese. La sera tutto il paese assiste al rito della "Duminiara". Si fanno ardere tre cumuli di fascine di legna composta di arbusti raccolti sull'isola di lentisco, erica e rosmarino. I tre fuochi rappresentano la Sacra Famiglia dove per tradizione nel fuoco centrale si bruciano le vecchie barche al grido di "Evviva U Patriarca di San Giuseppe" seguito da "Viva" di tutti i presenti. Ma eccoci al giorno più importante il 19 marzo. Nella piazza principale si allestisce un palco con una tavola imbandita ed addobbato con ramoscelli di mirto dove saranno "ammitati i Santi", tre persone del paese che raffigurano Maria Gesù e Giuseppe. Un tempo scelti fra i poveri dell'isola o tra chi aveva fatto "Voto" a San Giuseppe . Prima però si svolgerà il rito dell'Alloggiate che sicuramente è il momento più commovente dell'intera manifestazione poiché rievoca la fuga in Egitto di Maria, Gesù e Giuseppe in cerca di ospitalità. Infatti per due volte il portone della chiesa viene sbattuto in faccia ai tre Santi ma al terzo tentativo la chiesa apre al grido di esultanza della gente presente e allo scampanio in festa. Il suono della banda accompagnerà in seguito il rito del pranzo sul palco, "ammitata" con abbondanza di pietanze e di dolci che verranno infine distribuiti a tutti i presenti. Il "Pignolo" a base di miele, la "petra mennulla" , la "cubbaita" , le "cassateddre" e tanti dolci tipici siciliani. Il corteo dopo il pranzo si recherà a benedire i due moli dell'Isola Lo Scalo Vecchio e Nuovo. Nel pomeriggio l'effige del Santo Patrono viene portata di casa in casa per una lunga processione. Il giorno seguente i giochi tradizionali di piazza: "Pignateddi", "iocu antinna", tiro alla fune . Nel pomeriggio la processione Di San Francesco di Paola "U Santu Patri" patrono di tutta la gente di mare. che chiude i tre giorni di festa . Le serate sono anche rallegrate con manifestazioni canore e di varietà con serate di ballo in pizza. Tutta la manifestazione è per larga parte finanziata con la raccolta di fondi di tutta la popolazione.
Comune Tel: Favignana 0923.920011
Luogo Evento: Marettimo, Trapani
Event category: Feste e Sagre   Event range: 14 March - 15 March