Home 
 •
Bacheca annunci
 •
Forum discussione
 •
Chat
 •
Cartoline 
 •
Ricette Tipiche
 •
Ricettività
 •
Ristorazione
 •
Vini di Sicilia
 •
Prodotti Tipici
 •
Intrattenimenti
 •
Agriturismo
 •
Naturalismo
 •
Riserve e Parchi
 •
Lavorare in Sicilia
 • 
Università
 •
Velacharter
 •
Arte in Sicilia
 •
Folclore 
 • 
Leggende
 •
Proverbi
 •
Feste-Fiere-Eventi
 •
Enti Turistici
 • 
Sms Love
 •
Mp3 Folcloristici 
 •
Screen-saver
 •
Free-Em@il
 • 
Links
 •
Guestbook
 

 • Aggiungi ai tuoi preferiti


 


.

Iscriviti alla Newsletter

abbonarsi disdire


  

 

 

Vacanze a Favignana nel 2013 tra le isole egadi più apprezzate



Home | Links | Guestbook | Contattaci |

Isole/ Egadi/Isola di Favignana

Favignana è l'isola maggiore delle Isole Egadi, posizionata a circa 9 miglia da Trapani, deve il suo nome al vento Favonio.

La sua forma ricorda una farfalla con le ali spiegate, costituite dalle due pianure, una detta il Bosco distesa verso ovest e l'altra detta la Piana distesa ad est verso la Sicilia.Al centro il corpo massiccio  costituito dalla montagna che culmina con la vetta S. Caterina (302 mt) su cui si trova l'omonimo castello.

Da sempre al centro del mar Mediterraneo è stata un punto strategico per tutti i popoli che si sono affacciati su questo mare e che per il suo predominio si sono scontrati in epiche battaglie. La più nota di queste resta quella che nel 241 a.C contrappose i Fenici ai Romani, si svolse nel mare prospicente l'isola e fu decisiva per la sorte della prima guerra punica, il mito racconta che lo specchio d'acqua in cui essa si svolse, divenne rosso per il sangue versato dai combattenti e fu da allora che venne dato il nome di Cala Rossa alla baia davanti alla quale si combattè.

Oggi l'isola con le sue spiaggette, i suoi scogli, le sue bellissime cale e il suo mare incontaminato è un'ambita meta turistica, capace di coniugare il nuovo con l'antico, mettendo insieme le numerose attività turistiche con le tradizioni di un paese che da sempre ha vissuto di mare, ed in particolare delle attività legate alla pesca del tonno, infatti ogni anno nel periodo Aprile-Luglio si rinnova la tradizione della Tonnara e della Mattanza , la pesca del tonno,molto emozionante e spettacolare,un rito cruento, spasmodico, ma di incredibile fascino.

Un'escursione sicuramente da fare, per conoscere un'altra antica ma viva tradizione  , è quella alle cave a cielo aperto per l' estrazione del tufo, tradizione di fatica, che gli isolani esorcizzano vantandosi del fatto, che con le pietre della loro isola si sono costruite molte  delle più belle dimore siciliane.

Uno spettacolo da non perdere è la "mattanza", tradizionale pesca del tonno che si perpetua da secoli in quest'isola. La mattanza si svolge dalla metà di maggio alla prima decade di giugno. In questo periodo i branchi di tonni seguono le correnti che dall'oceano portano nel più tiepido Mediterraneo per deporre e fecondare le uova

La femmina nuota in profondità, più sopra cinque o più maschi la seguono, pronti ad eiettare il loro sperma fecondante non appena la nuvola lattiginosa delle uova si spande nell'acqua. Da secoli i pescatori (tonnaroti) hanno scoperto il loro segreto e a meta aprile montano a mare una serie di reti, vere proprie camere per catturarli. I tonni vengono poi spinti da una camera all'altra fino ad arrivare alla "camera della morte" dove chiusi da un quadrilatero di barche nere (le muciare) vengono, arpionati tra grida canti e preghiere. Partecipare è facilissimo, basta trovarsi al mattino, molto presto, all'imbarcadero da dove salpano i tonnaroti. I giorni di mattanza sono incerti, molto dipende dal mare e dalle correnti, però organizzando una vacanza anche di soli tre giorni, tra la meta di maggio ed i primi di giugno, si ha la certezza di ripartire con una indimenticabile esperienza in più. La mattanza è accompagnata da canti propiziatori (le cialome) di araba memoria che danno il ritmo ai tonnaroti che tirano le reti e spingono i tonni verso il quadrilareo della morte. Ma qui la morte non è spettacolo fine a se stesso è lotta per la sopravvivenza dei pescatori e delle loro famiglie

Come arrivare:

In aereo:Aereoporto Falcone-Borsellino (Palermo) Voli charter e di linea dalle maggiori città italiane ed europee. 
Dall'aeroporto collegamento con bus per il porto di Trapani 

bullet

In auto: Autostrada per Trapani 

bullet
 In bus: Palermo Piazza Politeama - Trapani Porto (1 ogni ora dalle 7.00 alle 21.00) Aereoporto Falcone-Borsellino - Trapani Porto (1 al giorno ... la mattina)
bullet
Via mare: in traghetto :     da Genova , Napoli e Livorno a Trapani o Palermo
al porto di Trapani imbarco per Favignana con traghetti Siremar
bullet In aliscafo:       Napoli - Favignana (circa 6 ore) solo estivo
bullet
bullet

Trapani - Favignana (20 minuti) tutto l'anno

Siremar: Aliscafi e traghetti
               Tel. 0923/540515 - 27780 (Trapani) Tel. 0923/921368 (Favignana)

Ustica Lines: Aliscafi
                      Tel. 081/7612565 (Napoli) Tel. 0923/222000 (Trapani)

 


 

Inizio pagina

Home

Arte| Contattaci |Guestbook| Chat |Ricette| Ricettività |Sms love
Ristorazione| Prodotti Tipici |Intrattenimenti | Agriturismo| Lavoro | Università |
 Folklore | Leggende |Feste-Fiere-Eventi | Enti di Promozione | Free email | Links

informazioni: info@sicilyland.it  | webmaster: webmaster@sicilyland.it |