• Home 
 •
Bacheca annunci
 •
Forum discussione
 •
Chat
 •
Cartoline 
 •
Ricette Tipiche
 •
Ricettività
 •
Ristorazione
 •
Vini di Sicilia
 •
Prodotti Tipici
 •
Intrattenimenti
 •
Agriturismo
 •
Naturalismo
 •
Riserve e Parchi
 •
Lavorare in Sicilia
 • 
Università
 •
Isole Eolie
 •
Arte in Sicilia
 •
Folclore 
 • 
Leggende
 •
Proverbi
 •
Feste-Fiere-Eventi
 •
Enti Turistici
 • 
Sms Love
 •
Mp3 Folcloristici 
 •
Screen-saver
 •
Free-Em@il
 • 
Links
 •
Guestbook



 • Aggiungi ai tuoi preferiti

.

Iscriviti alla Newsletter

abbonarsi
disdire

 


 

 

 

Gli itinerari natrali in Sicilia

Itinerari e naturalismo in Sicilia una vera passione per i turisti


Home | Links |Guestbook | Contattaci |

I Monti Nebrodi"

I Monti Nebrodi, assieme alle Madonie ad Ovest ed ai Peloritani ad Est, costituiscono l’Appennino siculo.

    Gli elementi naturali che caratterizzano maggiormente il pesaggio dei Nebrodi sono la simmetria dei vari versanti, la dolcezza dei rilievo, dovuta alla presenza di estesi banchi di rocce argilloso–arenacee, la ricchissima vegetazione, agevolata nello sviluppo da ambienti umidi. Le cime, che raggiungono con Monte Soro la quota massima di 1847 mt. s.l.m., hanno fianchi arrotondati e si aprono in ampie vallate solcate da numerose fiumare che sfociano sul Mar Tirreno. Dove, però, predominano i calcari, il paesaggio assume caratteri dolomitici con profili irregolari e forme aspre e fessature. È questo il caso del Monte San Fratello e delle Rocche del Castro (1325 mt. s.l.m.).

    Come già accennato i Nebrodi sono ricchissimi di vegetazione; qui possiamo trovare, infatti boschi, laghi, torrenti e tutto ciò contrasta con l’immagine comune di una Sicilia arsa dal sole.

    La vegetazione varia a seconda della quota, della temperatura e delle precipitazioni piovose e nevose. Infatti, i Monti Nebrodi sono suddivisi in piani: Piano Mediterraneo che va dal livello del mare ai 600-800 metri, e qui troviamo l’Euforbia, il Mirto, il Lentisco, la Ginestra e ancora, elementi arborei a foglie strette quali il Corbezzolo, la Sughera, il Leccio; superati gli 800 metri fino a quota 1200-1400 metri s.l.m. si passa al Piano Supramediterraneo ricco di Querce di Caducifoglie, molte specie di Rovella, Rovere, Quercua gussonei e nelle aree più fresche domina il Cerro; oltre i 1200-1400 metri di altitudine abbiamo Piano Montano–Mediterraneo, dove si trovano le Faggete che coprono, splendidamente tutto il crinale boschivo per più di 100.000 ettari. Alle quote più elevate vive il Faggio con rari esemplari presenti di Acero montano, Acero campestre e Frassino. Nel sottobosco troviamo l’Agrifoglio, il Pungitopo, il Biancospino, il Daphne ed, in condizioni climatiche molto localizzate, il Tasso.

    Il nome Nebrodi deriva dal greco "Nebros" che significa Cerbiatto. Ciò non è un caso; infatti, un tempo questi monti erano regno di cerbiatti così come il daini, orsi, caprioli e nonostante il progressivo impoverimento ambientale, costituiscono, ancora, la parte della Sicilia più ricca di fauna. Gli ultimi lupi furono abbattuti alla fine degli anni venti ed i grifoni che avevano il loro regno sulle Rocche del Castro sono scomparsi alla fine degli anni sessanta.

    Oggi i Monti Nebrodi ospitano numerosi piccoli mammiferi, rettili, ingenti specie di uccelli nidificanti e di passo, e poi anche parecchi invertebrati. Fra queste specie nominate possiamo ricordare l’Istrice, il Gatto selvatico, la Martora, la Testuggine comune e palustre, il Discoglosso, la Rana verde minore; tra gli uccelli alcuni di grandi interesse come la Cincia biglia di Sicilia, il Codibugnolo di Sicilia; ai margini dei boschi trovano ospitalità molti rapaci come la Poiana, il Gheppio, il Lanario, il Nibbio reale, il Falco pellegrino; le zone rocciose e fessurate nelle Rocche di Crasto sono, invece, il regno dell’Aquila reale; nelle zone più umide possiamo incontrare il Merlo acquaiolo, il Martin pescatore, la Ballerina gialla, la Folaga; nelle aree a pascolo è facile incontrare la, ormai rara, Coturnice di Sicilia, l’Upupa ed il potente Corvo imperiale; meritano, tra l’avifauna, essere citati il Cavaliere d’Italia e l’Airone cinerino.

    Per tutto ciò, i Monti Nebrodi sono oggi un grande parco: il Parco dei Nebrodi. Esso ha un’estensione di 85.687 ettari ed interessa il territorio di 21 Comuni; è suddiviso in 4 zone nelle quali, a secondo dell’interesse naturalistico, operano vari divieti.

La zona A (di riserva integrale) è estesa per 24.546 ettari e comprende le quote più alte, uniche stazioni siciliane di Tasso (Taxus baccata) ed alcuni affioramenti rocciosi.

La zona B (di riserva generale) è estesa per 46.879 ettari ed include le rimanenti aree boscose e le aree destinate a pascolo.

La zona C (di protezione) si estende per 569 ettari e comprende nove zone, distribuite sul territorio, in cui sono ammesse le attività volte alle finalità del parco quali, ad esempio, la realizzazione di strutture turistico–ricettive e culturali.

La zona D (di controllo) è la zona di preparco, si estende per 13.593 ettari e costituisce la fascia esterna dell’area protetta.

    Il clima del territorio è parecchio influenzato dalle ampie zone boschive e si caratterizza per lunghi inverni rigidi ed estati calde ma non afose. Nelle zone interne le temperature pur variando da una zona all’altra si mantengono tra i 10° C e i 12° C nella media e alta montagna; la piovosità varia da un minimo di 600 mm ad un massimo di 1400 mm ed è fortemente correlata all’altitudine ed all’esposizione dei versanti; assai frequenti i fenomeni di nebbia e nevosità contribuiscono a creare quel giusto grado di umidità necessario per l’esistenza di alcuni tipi di bosco

bulletGestore: Parco Naturale Regionale dei Nebrodi
bulletSede legale: via Ruggero Orlando, 126 - 98072 Caronia (Me) - Tel. (0921)333211 Fax (0921) 333230
bulletSede di uffici e servizi: via Ugo Foscolo 1, 98070 Alcara Li Fusi (Me) - Tel: (0941) 793904 Fax: (0941) 793240
bulletUfficio periferico: Strada Nazionale, 68 - 98033 Cesarò (Me) - Tel. e Fax: (0935) 696008
bulletE-mail: parconebrodi@legacy.it
bulletSuperficie: 85.600 ha
bulletProvince: Messina, Catania ed Enna
bulletIstituzione: 4 agosto 1993

Parco dei Nebrodi
Scegli una sezione

 

 

 

Inizio pagina

Home

Arte| Contattaci | Guestbook| Chat |Ricette| Ricettività |Sms love
Ristorazione| Prodotti Tipici |Intrattenimenti | Agriturismo| Lavoro | Università |
 Folklore | Leggende |Feste-Fiere-Eventi | Enti di Promozione | Free email | Links

 

informazioni: info@sicilyland.it  | webmaster: webmaster@sicilyland.it |