Popolazione provpa.gif (3471 byte)

Capoluogo: 686.551 ab.
Provincia: 1.242.055 ab.
Superfice: 4.992 kmq

 

 

 

 

 Le News di Oggi:

La cronaca di Palermo
La Sicilia 

Menu'

Alberghi
Ristoranti
Campeggi
Agriturismo
Intrattenimento
Enti Turistici 
Riserve e Parchi
Trova percorso
Trova località/indirizzo
Lavoro
Università
Musei
Teatro
Cinema
Ch@t
Le Cartoline
Vini Siciliani
Ricette Tipiche
Prodotti Tipici
Isole
Folklore
Feste-Fiere-Eventi 
Proverbi Siciliani
Arte in Sicilia
Guestbook
Free-E-mail
Mp3
Screen-Saver
Links
 Informazioni Utili
Meteo
Farmacie
 

Consigli utili

Mappa
Compagnie aeree
  

Aggiungi ai preferiti

 Comuni della Provincia
A
ALIA
ALIMENA
ALIMINUSA
ALTAVILLA MILICIA
ALTOFONTE
B
BAGHERIA
BALESTRATE
BAUCINA
BELMONTE MEZZAGNO
BISACQUINO
BLUFI
BOLOGNETTA
BOMPIETRO
BORGETTO
C
CACCAMO
CALTAVUTURO
CAMPOFELICE DI FITALIA
CAMPOFELICE DI ROCCELLA
CAMPOFIORITO
CAMPOREALE
CAPACI
CARINI
CASTELBUONO
CASTELDACCIA
CASTELLANA SICULA
CASTRONUOVO DI SICILIA
CEFALA' DIANA
CEFALU'
CERDA
CHIUSA SCLAFANI
CIMINNA
CINISI
COLLESANO
CONTESSA ENTELLINA
CORLEONE
F
FICARAZZI
G
GANGI
GERACI SICULO
GIARDINELLO
GIULIANA
GODRANO
GRATTERI
I
ISNELLO
ISOLA DELLE FEMMINE
L
LASCARI
LERCARA FRIDDI
M
MARINEO
MEZZOJUSO
MISILMERI
MONREALE
MONTELEPRE
MONTEMAGGIORE BELSITO
P
PALAZZO ADRIANO
PALERMO
PARTINICO
PETRALIA SOPRANA
PETRALIA SOTTANA
PIANA DEGLI ALBANESI
POLIZZI GENEROSA
POLLINA
PRIZZI
R
ROCCAMENA
ROCCAPALUMBA
S
SAN CIPIRELLO
SAN GIUSEPPE JATO
SAN MAURO CASTELVERDE
SANTA CRISTINA GELA
SANTA FLAVIA
SCIARA
SCILLATO
SCLAFANI BAGNI
T
TERMINI IMERESE
TERRASINI
TORRETTA
TRABIA
TRAPPETO
U
USTICA
V
VALLEDOLMO
VENTIMIGLIA DI SICILIA
VICARI
VILLABATE
VILLAFRATI
 

 



offerte Vacanze Palermo

 Conoscere Palermo e la provincia per trascorrere le vacanze

Palermo

 

Aeroporto civile "Punta Raisi - Falcone e Borsellino" (a 20 Km dalla città per l'autostrada A19), 90045 Cinisi, tel. 091.7020111 - collegamenti nazionali e internazionali

Stazione Ferrovie dello Stato, piazza Giulio Cesare, 90133 Palermo, tel. 091. 6162691/6164368 - collegamenti con le principali città italiane

Stazione marittima, molo Vittorio Veneto, 90139 Palermo, tel. 091.587729/321383 - collegamenti con i principali porti italiani e con le isole

Autostrada A 19 e A 20

 

Palermo, capoluogo della Sicilia e della provincia omonima, è situata sulla costa nord-occidentale dell’isola in una meravigliosa insenatura riparata dallo sperone del monte Pellegrino, definito da Goethe “il più bel promontorio del mondo”, che tutta la domina al margine occidentale della Conca d’Oro risplendente di aranci e di limoni.
La città si estende, infatti, lungo il pendio della fertile zona agricola coltivata ad agrumi, tra il Monte Pellegrino e il Capo Mongerbino, mentre, verso l'interno, sale fino a Monreale, dal cui belvedere, sospesi nello spazio, si entra dentro la Conca d’Oro, se ne fa parte. I monti la incoronano, i giardini la vestono di verde, il mare l’accarezza, il cielo la ricopre con il suo velo azzurro e viene al cuore il lontano canto del poeta arabo Jhr Zaffir: "Posa un fianco sul mare come su un divano di seta. Il sole le splende sul capo, aureola d’oro, frutti belli e saporiti. D’inverno gli alberi hanno il fuoco nelle foglie e l’acqua nelle radici. Palermo, la favorita di Dio! E Dio qui si fermò nel giorno della creazione! Dio clemente, abbi pietà, nei giorni dello sdegno e della giustizia, di Palermo che alzò cinquecento moschee a lodare la tua magnificenza!".

Vagare per le vie di Palermo è come assistere ad una gigantesca parata di testimonianze appartenenti a civiltà disparate, ma intimamente fuse, che evocano i secoli nei quali sorsero le vicende storiche alle quali sono legate; ammirare tanti capolavori è come perdersi in qualcosa di eterno e di immutabile, proprio come vi si perde la gente che intorno ad essi vive, si muove e ne perpetua ricordi, tradizioni e leggende.

Il nucleo originario del capoluogo siciliano fu fondato nel corso dei secoli VIII-VI a.C. dai Fenici, ebbe il nome di Ziz (fiore) ed era circondato da una cinta muraria. Il successivo insediamento greco favorì lo sviluppo cittadino in direzione del mare lungo la lingua di terra che vi si addentrava, delimitata dai torrenti Papireto e Kemonia, fino alla realizzazione del porto. Fu proprio in quest’epoca che venne dato, alla città, il nome che divenne quello definitivo: Panormo, in greco “porto per eccellenza” o “tutto porto”.
L’abitato si estese poi gradualmente, soprattutto ad opera degli Arabi e dei Normanni, attraverso un irregolare reticolo di strade e vicoli. Successivamente gli Aragonesi vi aprirono due lunghe arterie rettilinee, ottenute con la demolizione di molti vecchi edifici: la prima si sviluppa perpendicolarmente alla costa e comprende Corso Vittorio Emanuele (il vecchio Cassaro, dall’arabo Qasr, palazzo reale) e Corso Calatafimi; l'altra, ortogonale alla precedente, si allunga attraverso le attuali Via Oreto, Via Maqueda, Via Ruggero Settimo e via Libertà. Le due arterie tagliano la città in quattro parti, Tribunali (a nord-ovest), Palazzo Reale (a sud-ovest), Monte di Pietà (a sud-est) e Castellammare (a nord-est) e si intersecano nella Piazza Vigliena, i ben noti Quattro Canti di Città, scenografico complesso ottagonale ornato di statue e fontane, denominata anche il "teatro del sole", perché vi si scorge il sole dal tramonto all'alba. In età borbonica la cinta muraria ebbe un ulteriore ampliamento verso sud-ovest, fino a Monreale.
In questa zona, a ragione denominata “centro storico” della città, sorgono gran parte degli edifici, sorti nelle diverse epoche, prove della millenaria storia artistica di Palermo. Di straordinario interesse sono le testimonianze monumentali lasciate dai Normanni, che utilizzarono largamente le forme tradizionali arabe, come nella Cuba, nella piccola Cuba e nella Zisa (dall’arabo al-Aziza, la gloriosa), ma soprattutto nella splendida Cappella Palatina del Palazzo Reale di re Ruggero II, famosa per gli ineguagliabili mosaici. Fra gli edifici di carattere religioso sono da ricordare le chiese di S. Giovanni dei Lebbrosi (fondata da re Ruggero I nel 1072), di S. Giovanni degli Eremiti, col bel chiostro duecentesco, della Martorana, di S. Cataldo, di S. Francesco d’Assisi e del Vespro, mentre, fra gli edifici civili, sono da menzionare il Palazzo dei Normanni, un tempo sede degli Emiri, poi dei re Normanni e dei vicerè spagnoli e dal 1947 sede dell’Assemblea Regionale Siciliana, il Palazzo Chiaramonte (o “Steri”), il Palazzo Sclafani ed il Palazzo Abatellis.
Sull’antico Cassaro sorge, maestosa, la Cattedrale. Nata come moschea araba sulle rovine di una basilica paleocristiana, subì, alla fine del 1700 un’onda ritardataria della furia innovatrice barocca, che ne alterò irrimediabilmente diversi aspetti, sia all’interno che all’esterno. Ai lati della piazza su cui essa si eleva, si allineano, armoniosamente, diversi palazzi, fra cui il più notevole è il Palazzo Arcivescovile.
Nel periodo di dominazione spagnola si ebbe un fiorire di sobborghi al di fuori delle mura cittadine, sia a nord, verso il mare (Mondello, Partanna, Sferracavallo, Barcarello), sia a Sud, sulla strada per Bagheria e Termini Imerese (Oreto, Romagnolo, Settecannoli).
Dopo l'annessione della Sicilia all'Italia e fino all’inizio della prima guerra mondiale, Palermo ebbe una notevole espansione edilizia, realizzata secondo precise direttive che prevedevano per i nuovi quartieri una regolare struttura a scacchiera e all'estremità sud orientale della Via Maqueda e della parallela Via Roma sorse la Stazione Centrale. Il maggiore sviluppo urbanistico si ebbe però verso nord-ovest lungo il prolungamento della Via Maqueda, che prese il nome di Via Ruggero Settimo, l’odierno centro cittadino agli estremi del quale furono eretti, alla fine del XIX secolo, i due maggiori teatri palermitani, il Massimo, tempio della lirica e dei balletti e che possiede il palcoscenico più grande, per superficie e profondità, al mondo ed il Politeama ed ancora del suo prolungamento, la Via Libertà: sorsero così, progressivamente, alcuni quartieri, comprensivi dei vecchi sobborghi, fino alle falde del monte Pellegrino e, successivamente, nuovi quartieri ai piedi del versante orientale del monte, come San Lorenzo ove si trovano il magnifico Parco della Favorita e la splendida Palazzina Cinese, l’Arenella e Vergine Maria, ma anche lungo il versante occidentale, fino a raggiungere Mondello, stupendo golfo che oggi rappresenta il vero e proprio centro turistico estivo e Partanna.
Nell’ultimo secolo si sono sviluppati nuovi quartieri, per lo più dislocati sul lato occidentale del Viale della Regione Siciliana (vera e propria circonvallazione della città, traît-d’union fra le autostrade per Trapani e Messina), che costituiscono la parte nuova, ma anche popolare, della città, come Uditore, Altarello, Cruillas.
Lo Z.E.N. (zona espansione nord), pur essendo un quartiere largamente popolare, è sede di importanti impianti sportivi, quali il Velodromo Borsellino e il nuovo stadio di baseball, ma anche di centri commerciali e di palazzi di notevole interesse economico, come il Palazzo Gamma.
La Storia Attrazioni turistiche 
La fondazione di Palermo risale ai Fenici (sec. VIII-VI a.C.) e, fin dalle origini, la vita della città fu legata al mare e all’attività del porto. Lo sviluppo cittadino si ebbe in direzione del mare, lungo quella striscia di terra che vi si addentrava, limitata dai torrenti, Papireto e Kemonia, oggi coperti

 

Teatro Massimo
Palazzina Cinese
Museo Pitrè
Teatro Politema
Via Ruggero Settimo
Via Libertà

 

 Luoghi di interesse

 Chiese Cattedrali e Cripte

Cattedrale

La Cala
Piazza Marina
Piazza San Domenico
Piazza Pretoria
Piazza Bellini
Porta Nuova
Piazza Vittoria
Piazza Quattro Canti
Piazza Cappuccini
Piazza Kalsa
Piazza Indipendenza

Tesoro e Cripta della Cattedrale

Chiesa dei Vespri (o di Santo Spirito)

Chiesa della Gancia (S. Maria degli Angeli)

Chiesa della Martorana (S. Maria dell’Ammiraglio)

Chiesa di S. Cita e Cripta della Cappella Lanza

Chiesa di S. Domenico e Chiostro

Chiesa di S. Francesco d’Assisi

Chiesa di S. Giovanni dei Lebbrosi

Chiesa di S. Giuseppe dei Teatini

Itinerari Turistici

Chiesa di S. Maria della Catena

 Itinerario1:Mandamento Palazzo Reale – Cassaro e Cattedrale

Chiesa di S. Maria della Pietà

Itinerario 2: La Strada del Vicerè Maqueda e il Mandamento Castellammare

Chiesa di S. Maria in Valverde

Itinerario 3: Negli appetitosi meandri della gastronomia palermitana

Chiesa di S. Maria la Nuova

Chiesa di SS. Salvatore

Chiesa di Sant’Ignazio all’Olivella

Divertimenti

Chiesa  di Santa Teresa

Teatri - Opere - Musica Classica -Prosa

 Chiese

Chiesa di S. Maria dello Spasimo

Cinema

Chiesa e Chiostro di San Giovanni degli Eremiti

Caffè - Pubs- Locali Notturni- Musica dal Vivo

Chiesa e Chiostro di Sant’Agostino

Discoteche - DiscoPub

La Magione

Casa Professa

 

Parchi e VillePanoramica

Villa Giulia

Monreale

Orto Botanico

Monte Pellegrino

Il  Parco della Favorita 

Santa Rosalia

Il Giardino Inglese 

Il Giardino Garibaldi 

Villa Bonanno

Villa Sperlinga

Villa d'Orleans 

 

Castelli, Palazzi e Residenze Nobiliari Musei e Gallerie

Castello della Zisa

Museo Diocesano

Castello Utveggio

Museo Archeologico Regionale Antonio Salinas

La Cuba

Biblioteca Comunale (Casa Professa)

Palazzo Arcivescovile

Palazzo Asmundo

I Mercati di Palermo

Palazzo Chiaramonte

Vucciria - Ballarò 

Palazzo Pretorio o Senatorio (Municipio)

Borgo Vecchio-Capo

Palazzo dei Normanni

Mondello

Palazzo Sclafani

Mondello, distesa lungo l'arco di una pittoresca baia tra il montePellegrino e il monte Gallo è il più importante centro balneare vicino Palermo. 

Palazzo Steri

 

Inizio pagina

Home

Arte| Contattaci |Guestbook| Chat |Ricette| Ricettività |Sms love
Ristorazione| Prodotti Tipici |Intrattenimenti | Agriturismo| Lavoro | Università |
 Folklore | Leggende |Feste-Fiere-Eventi | Enti di Promozione | Free email | Links

informazioni: info@sicilyland.it  | webmaster: webmaster@sicilyland.it |